DIPENDENZA  DA  SOSTANZE

 

    La manifestazione essenziale della Dipendenza da Sostanze è un gruppo di sintomi cognitivi, comportamentali e fisiologici che stanno ad indicare che la persona continua a far uso della sostanza nonostante la presenza di problemi significativi correlati ad essa. Una forte pulsione soggettiva ad usare la sostanza può essere sperimentata facilmente dalla maggioranza (se non da tutte) le persone con Dipendenza da Sostanze.

    La dipendenza è definita come un raggruppamento di tre o più dei sintomi sotto elencati che ricorrano in un qualunque momento in un periodo di un anno.

    La tolleranza corrisponde al bisogno di quantità notevolmente più elevate della sostanza per raggiungere l’effetto desiderato. Con l’uso continuativo della stessa quantità di sostanza, infatti, nel tempo si ottiene un effetto notevolmente diminuito. Il grado di tolleranza varia molto fra le diverse sostanze.

Dipendenza da sostanze - Psicologia - Psicoterapia  - Firenze    L’astinenza è una modificazione del comportamento, associata ad eventi fisiologici e cognitivi, che si verifica quando, in una persona che ha fatto un uso prolungato e pesante di una sostanza, le concentrazioni della stessa presenti nel sangue o nei tessuti declinano. Dopo aver sviluppato spiacevoli sintomi di astinenza, la persona tende ad assumere la sostanza per attenuare o evitare quei sintomi, tipicamente facendo uso della sostanza durante tutto il giorno e iniziando presto dopo il risveglio. I sintomi di astinenza variano molto fra le classi di sostanze. Comunemente si registrano notevoli segni fisiologici di astinenza con alcool, oppiacei e sedativi, ipnotici e ansiolitici. Segni e sintomi di astinenza sono spesso presenti, ma possono essere meno appariscenti, tanto con stimolanti quali amfetamine e cocaina, quanto con nicotina. Nessuna astinenza significativa è stata osservata con allucinogeni, persino dopo un uso ripetuto.

    Né la tolleranza né l’astinenza sono necessarie o sufficienti per una diagnosi di Dipendenza da Sostanze. Tuttavia, per la maggior parte delle classi di sostanze, una storia precedente di tolleranza o di astinenza si associa a un decorso clinico più grave (cioè un’insorgenza più precoce della Dipendenza, livelli più alti di assunzione della sostanza ed un maggior numero di problemi correlati all’uso della sostanza).

    La Dipendenza si caratterizza per la modalità compulsiva d’uso della sostanza; la persona può:

   - assumere la sostanza in quantità maggiori o per un periodo più lungo di quanto inteso in origine (per es. può continuare a bere fino ad essere gravemente intossicato nonostante avesse stabilito il limite di una bevuta soltanto);

   - esprimere un desiderio persistente di ridurre o regolare l’uso della sostanza. Spesso vi sono stati molti sforzi infruttuosi di diminuire o interrompere l’uso;

   - spendere una grande quantità di tempo per ottenere la sostanza, per usarla, o per ristabilirsi dai suoi effetti. In certi casi di Dipendenza da Sostanze, virtualmente tutte le attività quotidiane della persona ruotano intorno alla sostanza. Importanti attività sociali, lavorative o ricreative possono essere abbandonate o ridotte a causa dell’uso della sostanza;

   - ritirarsi da attività familiari o hobbies con il fine di usare la sostanza in privato o per passare più tempo ad assumere la sostanza con amici. Nonostante riconosca il ruolo della sostanza nel contribuire a creare un problema psicologico o fisico, la persona continua a fare uso della sostanza.

 

 

Principali sostanze oggetto

di abuso o fonte di dipendenza

 Alcool

Allucinogeni

Anfetamine

Caffeina

Cannabis

Cocaina

Inalanti

Nicotina

Oppiacei

Psicofarmaci

 

 

Criteri diagnostici per la Dipendenza da Sostanze

A Una modalità patologica d’uso della sostanza che conduce a menomazione o a disagio clinicamente significativi, come manifestato da tre (o più) delle condizioni seguenti, che ricorrono in un qualunque momento dello stesso periodo di 12 mesi:
B tolleranza, come definita da ciascuno dei seguenti:
1 il bisogno di dosi notevolmente più elevate della sostanza per raggiungere l’intossicazione o l’effetto desiderato
2 un effetto notevolmente diminuito con l’uso continuativo della stessa quantità della sostanza
C astinenza, come manifestata da ciascuno dei seguenti:
1 la caratteristica sindrome di astinenza per la sostanza
2 la stessa sostanza (o una strettamente correlata) è assunta per attenuare o evitare i sintomi di astinenza
3 la sostanza è spesso assunta in quantità maggiori o per periodi più prolungati rispetto a quanto previsto dal soggetto
4 desiderio persistente o tentativi infruttuosi di ridurre o controllare l’uso della sostanza
5 una grande quantità di tempo viene spesa in attività necessarie a procurarsi la sostanza, ad assumerla o a riprendersi dai suoi effetti
6 interruzione o riduzione di importanti attività sociali, lavorative o ricreative a causa dell’uso della sostanza
7 uso continuativo della sostanza nonostante la consapevolezza di avere un problema persistente o ricorrente, di natura fisica o psicologica, verosimilmente causato o esacerbato dalla sostanza

 

 

HOME